OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

Articoli

torna indietro
12/03/2010
Foto

PRIMA STORICA VITTORIA "ITALIANA" DI TOM BOONEN ALLA TIRRENO-ADRIATICO

NON CAMBIA LA CLASSIFICA GENERALE CON LA LEADERSHIP DI LINUS GERDEMANN

A Montecatini Terme (Pistoia) è la volta di Tom Boonen che si regala il primo, storico successo in carriera in Italia imponendosi in volata su Paul Martens, Daniele Bennati e Robbie Mc Ewen.
Grazie al successo di Montevatini Tom Boonen si avvicina alla maglia azzurra di leader della corsa e ora in classifica generale è secondo, con lo stesso tempo di Linus Gerdemann attualmente al comando della gara. A premiare il vincitore Boonen il sindaco di Montecatini Terme Giuseppe Bellandi e Sabrina Ballerini vedova del compianto c.t. della nazionale azzurra Franco.
L´ucraino Grabovskyy (Isd Neri) si riconferma maglia verde di leader dei Gran Premi della Montagna; al tedesco Gerdemann (Team Milram) la maglia rossa della classifica a punti; allo spagnolo Rojas Gil (Caisse d´Epargne) quella bianca di miglior giovane per i nati dopo il 1°gennaio 1985. Per il secondo giorno di fila la Colnago Csf Inox è leader della classifica a squadre sull´Astana e la Lampre Farnese Vini.

"Qui in Italia ho disputato otto Milano-Sanremo (quarto nel 2006 e terzo nel 2007) e quest´oggi sono alla mia terza Tirreno-Adriatico - afferma il campione belga Tom Boonen - Negli ultimi 3 chilometri ho preso la ruota di Bennati e dei suoi compagni di squadra ma sarebbe stato stupido non provarci e non ho sbagliato nulla. Tanto che un mio compagno di squadra mi ha detto di mettermi alla ruota di Bennati e così ho fatto. Ieri volevo mettermi in evidenza ma le condizioni meteo non erano favorevoli. Ero motivato per le classiche già prima di raggiungere l´Italia e adesso, dopo questo successo, lo sono a maggiore ragione ancora di più. È stato importante vincere qui alla Tirreno-Adriatico ma non è sempre facile vincere perché arrivano tutti quanti in ottime condizioni, la qualità è alta e per vincere devi essere al meglio Per la Milano-Sanremo, ci penso come tutti ma si sa che in questa corsa si vede subito chi è favorito e chi no".

Nato il 15 ottobre 1980 a Mol (Belgio), Tom Boonen ha iniziato a correre all´età di 14 anni vincendo 16 corse tra gli juniores e il campionato belga under 23 su strada nel 2001. L´incontro con Dirk Demol (ex vincitore della Roubaix nel 1988) è stato decisivo nella carriera di Tom dal dilettantismo al passaggio al professionismo avvenuto nel 2002 con la US Postal di Lance Armstrong. Tra i pro´ vestendo le maglie di Us Postal Service e Quick Step ha collezionato 92 vittorie fino ad oggi: il Mondiale su strada a Madrid nel 2005, due Giri delle Fiandre (2005-2006), tre Parigi-Roubaix (2005-2008-2009), la Gand-Wevelgem nel 2004, sei tappe al Tour de France e due alla Vuelta di Spagna. In stagione si è imposto a due tappe al Giro del Qatar e a una tappa al Giro dell´Oman.
L´ultima volta che un corridore belga s´impose alla Corsa dei Due Mari fu 19 anni fa esattamente nel 1991 con Dirk De Wolf. Nella storia ciclistica di Montecatini Terme due illustri corridori belgi lasciarono il segno nella cittadina termale molti anni fa prima di Boonen al Giro d'Italia: gli ex iridati Rik Van Steenebergen, in volata, e il cannibale Eddy Merckx a cronometro.

Superato in volata negli ultimi 150 metri, Daniele Bennati (Liquigas-Doimo), terzo al traguardo, ha parole di elogio per il vincitore: "Ha qualcosa in più di me, io sto bene ma non ancora al 100%. La squadra ha lavorato bene ma sapevamo che con un Boonen alla mia ruota non dovevamo sbagliare nulla. Forse ho usato un rapporto troppo lungo".

Oggi è in programma la terza tappa da San Miniato a Monsummano Terme per complessivi 159 chilometri. Ultima giornata in terra toscana (prima di affrontare il lungo trasferimento verso l´Umbria) con una tappa meno impegnativa di quella di ieri ma le insidie potrebbero venire nel finale: i gran premi della montagna de I Papi (altitudine 283 metri con una pendenza massima del 12% a 30 km dall´arrivo) e del San Baronto dal versante di Vinci (altitudine 340 metri posta a 15 km dalla conclusione) presentano a loro volta discese molto tecniche.
Ritrovo a San Miniato (Pisa) alle ore 10,55 in Piazza Sombrero; partenza prevista alle ore 12,25; arrivo a Monsummano Terme (Pistoia) previsto tra le ore 16 e le 16,30 in Piazza Giusti.

(Ilenia Lazzaro con la collaborazione di Luca Alò)

COMMENTI

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Non sono ancora presenti commenti.