OGNI GIOVEDÌ ORE 20,45 SU TELECHIARA E SU CANALE SKY 832 (TVA Vicenza)

Notizie, approfondimenti, servizi video dalle gare, classifiche:
con Teleciclismo sei sempre informato sul mondo del Ciclismo

Articoli

torna indietro
18-03-2010
Foto

Palio del Recioto. Cresce l'attesa per il grande appuntamento.

Passano i giorni e cresce l'attesa in vista della 49^ edizione del Palio del Recioto che prenderà il via il prossimo 6 aprile e, a Negrar, si fanno le prove generali in vista dell'evento che porterà la Valpolicella ad essere il centro del mondo per un giorno. In molti hanno già intravisto qualche formazione dilettantistica che ha sfruttato queste settimane per provare e riprovare il nuovo tracciato disegnato da Grandi Eventi Valpolicella ed è subito scattata la “caccia” al favorito.

Uno che il Palio lo conosce bene, per averlo vinto lo scorso anno, è certamente Stefano Locatelli che lunedì prossimo giungerà a Negrar con i propri compagni di squadra dell'Uc Bergamasca, e il ds Giampaolo Valoti per incontrare i ragazzini delle scuole elementari del comune veronese. L'incontro, che avrà inizio alle 11.30, servirà per avvicinare i più piccoli al ciclismo e al Palio del Recioto in particolare; per i più interessati ci sarà anche la possibilità di rivolgere qualche domanda al giovane under 23 che un anno fa fece sognare il pubblico di Negrar.

La trasferta rappresenterà anche l'occasione propizia per l'Uc Bergamasca di scoprire il nuovo tracciato che caratterizzerà l'edizione 2010 del Palio del Recioto, cinque i ragazzi che giungeranno sulle strade veronesi per affrontare la ricognizione del percorso: Stefano Locatelli sarà infatti accompagnato da Paolo Locatelli, Andrea Di Corrado, Davide Villella e dall'inglese Simon Holt.

“Come è stato ripetuto più volte nel corso della presentazione ufficiale il Palio ti resta nel cuore e questa ne è una dimostrazione” ha spiegato il patron della corsa, Stefano Bonfioli “Sono particolarmente soddisfatto che i ragazzi della Bergamasca tornino a Negrar non solo per fare la ricognizione in vista della gara ma anche per incontrare i ragazzini nelle nostre scuole; il loro impegno e il loro allenamento deve essere un esempio anche per i più piccoli.”
 

COMMENTI

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Non sono ancora presenti commenti.